Machine Learning

Il Machine Learning inteso come apprendimento automatico è l’abilità delle macchine (i computer) di apprendere senza essere state esplicitamente e preventivamente programmate (almeno così come nell’accezione tradizionale dell’informatica).

A coniare per primo il termine fu Arthur Lee Samuel, scienziato americano pioniere nel campo dell’Intelligenza Artificiale, nel 1959 anche se, ad oggi, la definizione più accreditata dalla comunità scientifica è quella fornita da un altro americano, Tom Michael Mitchell, direttore del dipartimento Machine Learning della Carnegie Mellon University: «si dice che un programma apprende dall’esperienza E con riferimento a alcune classi di compiti T e con misurazione della performance P, se le sue performance nel compito T, come misurato da P, migliorano con l’esperienza E». Detta in parole più semplici: il Machine Learning permette ai computer di imparare dall’esperienza (da intendersi non nell’accezione “umana” ma pur sempre riferito ad un programma informatico); c’è apprendimento (esperienza) quando le prestazioni del programma migliorano dopo lo svolgimento di un compito o il completamento di un’azione (anche errata, partendo dall’assunto che anche per l’uomo vale il principio “sbagliando di impara”).

Vuoi saperne di più, scopri le risorse che ti abbiamo riservato cliccando sul bottone qui di seguito.