Tempo di lettura: 2 minuti

Aurora, un nome il cui rimando è chiaro e diretto: far luce.

È l’assistente virtuale che da qualche giorno è disponibile nella home del portale aziendale. L’Azienda USL Toscana sud est inaugura uno tra i primi progetti in Europa d’intelligenza artificiale applicata al mondo della comunicazione informativa. 

Attraverso il banner dedicato, per qualsiasi cittadino delle province di Siena, Arezzo e Grosseto è possibile ricevere servizi informativi semplicemente interrogando l’avatar 3D di Aurora direttamente da smartphone o da pc. 

L’innovativo sistema d’intelligenza artificiale è stato realizzato su forte spinta della Direzione aziendale. Nasce dall’idea di poter adattare un’assistente virtuale alle esigenze dell’ASL soprattutto in questo momento storico in cui è necessaria ed evidente l’esigenza, da parte della cittadinanza, di avere informazioni certificate che provengano da fonti credibili. È un’ulteriore misura messa in campo dalla AUSL Toscana sud est, oltre ai canali già rinforzati come il call center e i numeri dedicati all’emergenza Covid-19. 

Un’estensione digitale dell’Ufficio relazioni con il pubblico – URP, uno strumento innovativo strutturato specificatamente anche nella modalità d’interazione tra la ASL e i cittadini. “Ciao e benvenuto. Io sono Aurora, sono qui per aiutarti a trovare informazioni sui servizi della AUSL Toscana sud est. Come posso esserti utile?”.

Dal portale dell’Azienda USL Toscana sud est, l’applicazione consente d’avere risposte immediate 24 ore su 24, in tempo reale, con una semplice interrogazione da tastiera o tramite l’assistente vocale. 

L’avatar digitale risponde anche al numero 0577 767690. Infatti, tra gli sviluppi voluti dall’AUSL Toscana sud est, vi è stata anche la possibilità per la cittadinanza di accedere alle informazioni dell’assistente digitale anche tramite il centralino telefonico VOIP.

Aurora è realizzata con sistema NLP, Natural Language Processing, che le consente di immagazzinare una grande mole di informazioni per l’ interazione. È costruita attraverso una piattaforma di intelligenza artificiale Algho sviluppata dalle società toscane di servizi digitali QuestIT e Ready Go One.