Per un’impresa è prassi naturale cercare soluzioni per rendere sempre più attraente e profittevole la propria realtà aziendale.

Uno degli aspetti che maggiormente si tende a migliorare è l’efficacia della produttività e quella dell’assistenza, ovvero del customer care.

In entrambi i casi una delle nuove armi messe a disposizione delle aziende negli ultimi anni sono i chatbot, che altro non sono se non l’evoluzione degli assistenti virtuali.

Cosa sono gli assistenti virtuali è molto facile spiegarlo: si tratta di software istruiti a rispondere autonomamente, nella maniera più naturale possibile, alle richieste di informazioni, di assistenza e chiarimenti da parte degli utenti attraverso una chat o il microfono di un cellulare mediante linguaggio naturale.

Non c’è un vero e proprio limite a ciò che un chatbot possa realmente compiere, dal rispondere ad una semplice richiesta di informazione, ad una prenotazione di una visita medica, o al check-in di una compagnia aerea, gli utilizzi presenti e futuri lasciano ampio spazio all’immaginazione.

In questi ultimi anni, l’attenzione da parte di colossi come Facebook verso l’utilizzo di chatbot, e la conseguente apertura della sua piattaforma Messenger a chatbot di terze parti, ha motivato migliaia di aziende a includere nella propria customer experience l’impiego di un chatbot.

Si stima infatti che entro il 2020 saranno centinaia di migliaia le aziende che avranno predisposto all’interno del processo di vendita un servizio di assistenza virtuale tramite chatbot.

Ma se inizialmente, per certi versi, può sembrare complesso adottare una tecnologia del genere, in altri casi l’integrazione di un chatbot risulta davvero semplice e immediata per mezzo dell’utilizzo di software chiamati “chatbot Builder”.

I chatbot builder sono software che permettono a chiunque di realizzare un chatbot in totale autonomia, senza bisogno di programmare sia per la propria azienda che per i propri clienti. Questo permette un’integrazione immediata in tempi molto rapidi.

Per dare un’idea di quali possono essere i vantaggi di integrare un chatbot facciamo un breve elenco:

  1. Servizio clienti tutti i giorni e a tutte le ore
    E’ sicuramente uno dei principali motivi per cui le aziende hanno integrato un chatbot.
  2. Aumento dell’engagement
    Con un chatbot si aumenta inevitabilmente il coinvolgimento con la propria impresa, infatti i bot dialogano autonomamente e simultaneamente con i tuoi clienti coinvolgendoli attivamente nel dialogo.
  3. Assistenza alla vendita
    Grazie alle informazioni che acquisiscono durante la navigazione dei clienti sul tuo sito, sono in grado di assistere l’utente in tutte le fasi di vendita. Sono di fondamentale importanza all’interno di un e-commerce.
  4. Customizzazione
    I chatbot forniscono all’utente un’esperienza d’acquisto personalizzata, mostrando ai tuoi clienti i prodotti o servizi a cui realmente sono interessati.
  5. Semplificazione
    Un altro aspetto da non sottovalutare è come i chatbot riescano a semplificare  l’esperienza del navigatore sul sito, a cominciare dalla richiesta di informazioni fino all’acquisto.

Le tecnologie che troviamo applicate nello sviluppo dei nostri chatbot sono in fase evolutiva, e per tanto in forte crescita ed espansione. Le previsioni di Garner stimano che già entro il 2017 solo un terzo delle interazioni con il customer care richiederà il supporto umano.

Visti i molteplici vantaggi, i tempi sono fertili per prendere la decisione e non perdere l’occasione di fornire una nuova esperienza ai tuoi clienti, con la conseguenza di differenziarti dai tuoi competitor e aumentare i profitti.

Vuoi realizzare il tuo chatbot in modo semplice e veloce? Prova allora la nostra soluzione Qplus.

Qplus ti permette di realizzare un chatbot completo e funzionante in pochi semplici passaggi.