Tempo di lettura: 3 minuti

Spesso si pensa che l’Intelligenza Artificiale sia un mondo non accessibile, privilegio di una piccola élite altamente specializzata che possiede un know-how specifico e difficilmente trasferibile a terze persone.

Intelligenza Artificiale: una galassia complessa

Spesso si pensa che l’Intelligenza Artificiale sia un mondo non accessibile, privilegio di una piccola élite altamente specializzata che possiede un know-how specifico e difficilmente trasferibile a terze persone.

Si ha il timore in poche parole di avere a che fare con un meccanismo così enormemente complicato che appare assurdo provare anche solo a comprenderne  almeno in parte il significato.

Indubbiamente si tratta di un settore costantemente all’avanguardia che lavora sempre proiettato nel futuro e dove il presente ha dei tempi brevissimi. Sono talmente veloci questi tempi che al di fuori di questo universo ristretto, il tempo del mondo reale, quello dove viviamo tutti i giorni, sembra enormemente dilatato.

Ma la tecnologia per poter funzionare deve necessariamente avere un aggancio con il mondo reale perché è in esso che deve trovare le sue applicazioni e il senso della sua progettazione.

Leggi anche: “Intelligenza Artificiale: a che punto siamo? QuestIT intervista Piero Poccianti, Presidente AIxIA”

Allora come fare a trovare un punto d’incontro?

La risposta viene da chi progetta la tecnologia stessa ovvero dalla componente umana. Oggi il compito di chi lavora in settori altamente specializzati non è solo quello di creare uno strumento che funzioni, ma ha anche il task fondamentale di pensare a come integrarlo nei sistemi vigenti e d’uso comune, per far sì che sia immediatamente usabile e prestazionale.

Questa è stata la filosofia con cui è stato creato Algho: un ecosistema di tecnologie di Intelligenza Artificiale proprietarie che unite e assemblate insieme creano un prodotto altamente performante, ma soprattutto veloce e semplice da applicare e da usare per tutti. 

Una tecnologia che necessita tutte le volte di un libretto di istruzioni per poterla installare e usare è uno strumento inutile, fine a se stesso.

I vantaggi di integrare Algho all’interno del proprio software

Integrare un assistente virtuale Algho nei propri sistemi comporta numerosi vantaggi oggigiorno. Vediamoli insieme:

  • Automazione di attività ripetitive. Permettono una migliore ottimizzazione delle risorse che possono essere impiegate in altre attività.
  • Monitoraggio e controllo dei parametri vitali di un’impresa. Un sistema di AI può assumere il ruolo di advisor e avvertire in anticipo là dove c’è bisogno di intervenire prima che si verifichi un problema.
  • Identificazione dei trend di mercato. Lavorando sui dati che vengono immessi all’interno della piattaforma l’assistente virtuale è in grado di analizzarli e fornire report completi che indicano lo stato di un dato mercato di riferimento.
  • Analisi dei clienti. Come Algho può interpretare i dati di un mercato può processare, analizzare e interpretare i dati che riguardano i propri clienti e fornire uno stato dell’arte altrettanto preciso.
  • Accesso rapido alle informazioni. La velocità è la costante maggiore di Algho. In poco tempo, attraverso una semplice richiesta scritta o vocale, siamo in grado di ottenere immediatamente l’informazione che cerchiamo.

Leggi anche: “Assistente Virtuale: perchè potenziare il tuo software”

Le caratteristiche di Algho

Le aziende oggi utilizzano una grande varietà di software per gestire il proprio business, per questo QuestIT ha dato vita non solo a un prodotto che è in grado di assolvere alle funzioni sopra elencate, ma ha anche creato un sistema aperto e flessibile che consente qualsiasi tipo di integrazione con i sistemi informativi dell’azienda mettendo i software e i servizi in comunicazione tra di loro.

Algho, infatti, si integra con software, database, siti web, gestionali (CRM, ERP, ecc) e molto altro in modo semplice ed immediato, consentendo di migliorare le prestazioni del proprio business e rendendo la ricerca e la condivisione delle informazioni più rapida.

Amiamo definirlo come un ecosistema di tecnologie dal momento che Algho è formato da una serie di piattaforme computerizzate, ognuna rispondente ad una funzione ben delineata, che nel loro insieme restituiscono il prodotto completo.

Ognuno di questi moduli è interamente ideato e creato all’interno di QuestIT il che vuol dire che un’azienda, integrando Algho nei propri sistemi, acquisisce un qualcosa che va oltre la tecnologia pura.

Chi sceglie Algho acquista anche il potenziale umano altamente specializzato e competente che lo ha ideato e progettato e che sarà sempre al suo fianco nel processo di esplorazione di questo nuovo universo.

Ecco quindi che, se il settore dell’AI rimane comunque una galassia complessa, il mondo di Algho, grazie a questa facilità di integrazione e all’assistenza umana garantita del personale che vi ha lavorato, lo rendono certamente meno distante dal mondo reale.

Se questo articolo ti ha incuriosito e vuoi saperne di più, contattaci qui