Tempo di lettura: 6 minuti

Dai primi strumenti intelligenti sul mercato alle più attuali tecnologie di machine learning e data driven, chi non è rimasto affascinato dalla visione utopistica di un mondo in cui le macchine ci avrebbero liberato dal lavoro manuale, con l’introduzionde di sistemi di intelligenza artificiale nelle imprese, permettendoci così di seguire i nostri istinti creativi?

Se prima poteva sembrare fantascienza, oggi non lo è. L’intelligenza artificiale ha già dimostrato la propria efficacia nell’automazione di attività ripetitive che hanno permesso a manager e imprenditori di dedicare gran parte delle proprie ore agli aspetti più complessi e creativi del loro lavoro. 

L’efficienza delle nuove tecnologie ha permesso una maggiore organizzazione e automazione del lavoro in più aree aziendali, questo perché con un sistema CRM intelligente che si occupa dell’inserimento dei dati in automatico, per esempio, un venditore può avere più tempo per instaurare rapporti con i clienti, mentre un responsabile HR può utilizzare un software di ricerca del personale intelligente per filtrare i candidati per ogni posizione in maniera molto più efficace rispetto al passato.

Ecco che rendere più snelli i processi interni, velocizzare la ricerca delle informazioni o garantire un’assistenza continua al cliente sono asset che oggi risultano fondamentali per rimanere al passo con le richieste del mercato. 

Allora ci siamo domandati: perché molte imprese non hanno ancora portato l’intelligenza artificiale nei loro servizi?

Proviamo a spiegare in 4 semplici punti quali vantaggi porta l’intelligenza artificiale e di quali strumenti dovrebbe dotarsi ogni impresa.

  1. aumenta la produttività e l’efficienza nell’organizzazione dell’azienda 
  2. riduce i costi di analisi e previsioni
  3. rende più efficienti i servizi di pre e post vendita 
  4. accresce la competitività dei tuoi servizi sul mercato

L’innovazione spesso genera paura, oppure semplicemente molte imprese non sono ancora consapevoli di quali vantaggi possono ottenere con l’accesso ai sistemi intelligenti per ottenere risultati maggiori, in tutti i settori e soprattutto di qualità, in un panorama in cui senza innovazione si rischia di venire spazzati via dai competitor sul mercato, quelli che già oggi misurano i propri risultati e ottengono benefici dalle nuove tecnologie.

“Secondo i dati del Politecnico di Milano, in Italia il 56% delle grandi imprese ha già avviato progetti di Artificial Intelligence (AI) anche se ancora in fase embrionale. Confrontando il comportamento delle imprese italiane con quelle europee, si evidenzia che, nonostante sia inferiore il numero di progetti avviati (56% contro il 70% di Francia e Germania), si prediligono ambiti applicativi maturi, dove i benefici siano maggiormente documentati e più rapidamente realizzabili.”

Intelligenza artificiale nelle imprese, stato di penetrazione nel periodo 2019
Fonte: dati Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano

Già, i vantaggi sono diversi, ma comportano grandi trasformazioni, che si tratti di piccole, medie o grandi imprese. Ed è forse questa idea di grande cambiamento che spesso spaventa.

Ma ha senso non provarci, quando è dimostrato che si possono ottenere grandi benefici, anche partendo da pochi e semplici strumenti?

Leggi anche Come un assistente virtuale può potenziare il tuo e-commerce

I settori del trasporto, logistica, commercio al dettaglio, turismo ed automotive si stanno già servendo delle nuove tecnologie per generare maggior valore aggiunto, mentre le attività di ricerca ed innovazione stanno raggiungendo successi che in altre condizioni avrebbero richiesto tempi ed investimenti più impegnativi.

Questo perché l’intelligenza artificiale può portare a un più elevato grado di automazione i processi produttivi ed automatizzare tante di quelle funzioni ripetitive che molto spesso non lasciano spazio ad attività che richiedono maggior intensità di competenza e sapere.

Ecco quindi che l’intelligenza artificiale:

Aumenta la produttività e l’efficienza nell’organizzazione dell’azienda

Una delle principali peculiarità dei sistemi dotati di intelligenza artificiale è quella di essere applicabili a qualsiasi campo e, in maniera orizzontale, a tutti i settori. Pensiamo per esempio agli operatori di un call center, costretti a rispondere a centinaia di telefonate ed email che molto spesso riportano sempre le stesse richieste e che richiedono una rapidità di risposta elevata per ottenere il massimo punteggio dal cliente in fase di valutazione del servizio. C’è un modo per risparmiare tempo e risorse su questo tipo di attività? Sì, e molti lo stanno già facendo.

Come ottimizzare tempo e costi della tua azienda? Leggi l’esperienza di Hype.

Riduce i costi di analisi e previsioni

I sistemi di elaborazione (ovvero gli algoritmi), basati sulla potenza di calcolo dei computer, permettono di inferire da una massa di informazioni tendenze, schemi, modelli per formulare predizioni e perfino per prendere decisioni secondo regole predefinite.

Sotto la stessa categoria si articolano diverse tecnologie, come il machine-learning e il deep-learning, integrate in sistemi come chatbot e assistenti virtuali, che tendono ad imitare il processi cognitivi umani attraverso un processo di apprendimento e correzione

Un’applicazione di questa tecnologia si ha nell’analisi di big data, che permette di setacciare in breve tempo grandi volumi di dati per estrarne linee di tendenza utili per operare sui mercati, decidere sul marketing, fissare i prezzi, anticipare l’evoluzione della domanda e altro.

Pensate a quanto sarebbe più semplice per la vostra attività avere a disposizione dati pertinenti, in poco tempo, e con un risparmio in termini di dipendenti e ore di lavoro: l’analisi e la gestione dei big data sono oggi uno dei must per tutte le aziende italiane che vogliono prendere decisioni consapevoli. Gestire la moltiplicazione dei dati con sistemi di intelligenza artificiale, in questo senso, significa anticipare il futuro.

Rende più efficienti i servizi di prevendita e post-vendita 

I vantaggi per piccole, medie e grandi imprese sono diversi, ma a qualsiasi livello si applichi, integrare soluzioni di intelligenza artificiale comporta grandi trasformazioni. In fase di acquisto all’interno di un e-commerce, per esempio, un sistema intelligente sarà sicuramente in grado di gestire tutti quei processi che partono dalla ricerca del prodotto, al confronto dei prezzi fino al pagamento e alla successiva assistenza.

Automatizzare i servizi di prevendita e post-vendita porta maggiore organizzazione al manager e genera valore aggiunto all’esperienza del cliente che, anche a distanza, avrà la garanzia di un servizio personalizzato sulle sue esigenze. 

Accresce la competitività dei tuoi servizi sul mercato

L’impatto della crisi COVID-19 sulle imprese italiane ha generato il bisogno di digitalizzazione in ogni aspetto del proprio servizio e in tempi sempre più brevi.

Fidarsi delle nuove tecnologie e integrare quella più adatta al proprio business, è una scelta intelligente che deve partire dagli imprenditori per assicurarsi non solo un posizionamento solido nello scenario di mercato futuro e che, in fondo, stiamo già vivendo, ma permetterà anche all’azienda di riorganizzare il lavoro dotando di maggiori competenze i propri dipendenti per offrire ai propri clienti un servizio affidabile, sicuro e altamente tecnologico che risponde alle richieste più diffuse da parte di chi acquista.  

E poi il cliente cerca sempre di più il coinvolgimento emotivo, anche quando acquista un prodotto o un servizio 

A generare paura nelle imprese, molto spesso, è la percezione che l’intelligenza artificiale sia una tecnologia estremamente costosa, difficile da utilizzare e ancora troppo poco human friendly.

Ebbene, sappiate che molti servizi utilizzati dalla maggior parte della popolazione mondiale supportano chatbot e assistenti virtuali per il proprio customer care, per esempio, o per gestire molti dei processi aziendali interni. Tutto questo senza che molti di noi se ne accorgano, perché diventa sempre più difficile riconoscere se la risposta alla nostra domanda ci è stata inviata da un operatore fisico, al di là dello schermo, o da un chatbot.

Molte di queste tecnologie sono costruite in modo estremamente curato e hanno una performance così elevata che una volta integrate diventa poi impossibile farne a meno, specialmente se a parlare con noi sarà un assistente che assomiglia in tutto e per tutto a un essere umano. 

Ecco perché molte società stanno ripensando a un nuovo modello di interazione basato su assistenti digitali di nuova generazione per connettere il bisogno di nuovi strumenti automatici con la voglia di “umanità” che sempre più consumatori vogliono trovare nella tecnologia per avere un maggiore coinvolgimento emotivo.

Per questo, oltre allo sviluppo sempre più elevato degli algoritmi di Natural Language Processing (NLP) per interpretare con puntualità e precisione le richieste degli utenti, la strategia dei grandi player del mercato (ma che può essere riprodotta anche da piccole e medie imprese) è quella di implementare i servizi al cliente migliorando l’interfaccia dei sistemi intelligenti con la riproduzione di esseri virtuali, creati in maniera computazionale, che ragionano, somigliano e si comportano come noi.

Leggi anche Digital Human Interface (DHI): il volto umano dell’intelligenza artificiale

In poche parole: un primo passo per ripensare la strategia digitale della tua azienda potrebbe essere quella di integrare un assistente virtuale evoluto, riprodotto ispirandosi agli umani per riprodurne la gestualità e il comportamento che supporta il tuo lavoro nella gestione dei dati, dall’analisi alla catalogazione fino all’inserimento dei più pertinenti nei tuoi database, l’assistenza al cliente, l’analisi e il rilascio della reportistica o, semplicemente, la ricerca di informazioni nel tuo sito o nei tuoi file, sgravando tu e i tuoi dipendenti da tutte quelle attività che permettono di risparmiare tempo se affidate a un sistema intelligente.

Mettete da parte tutti i pregiudizi culturali sulle nuove tecnologie, dall’idea che siano estremamente costose, difficili da utilizzare o da quella che i vostri clienti si sentono più a loro agio a parlare con un umano, piuttosto che con un sistema artificiale.

In QuestIT sviluppiamo progetti tagliati su misura per le aziende, in ogni settore di business. Il nostro reparto interno di Ricerca e Sviluppo conduce ricerche ad alto livello sullo sviluppo dell’analisi semantica dei nostri sistemi e per il corretto funzionamento dell’algoritmo di NLP che permette la comprensione del linguaggio naturale in 9 diverse lingue.

Forniamo assistenza e formazione continua ai nostri clienti e partner per garantire il corretto utilizzo e la comprensione a tutto tondo delle nostre tecnologie, a supporto di grandi aziende che ci hanno scelti come main partner tecnologici ‘made in Italy’.

Hai mai pensato di integrare un assistente virtuale al tuo settore? 
Richiedi info qui.