Come è cambiata la Business Intelligence e perché è oggi uno strumento indispensabile per migliorare il proprio business? Dai metodi per analizzare e ottimizzare i dati all’organizzazione delle strategie di marketing, ecco alcuni buoni motivi per integrare la BI ai sistemi di Intelligenza Artificiale presenti sul mercato. 

La rivoluzione digitale ha creato un massiccio afflusso di informazioni: i dati sono dappertutto, vengono generati di continuo e sono profondamente radicati nei processi delle piccole, medie e grandi imprese. Oggi tutti si aspettano di poter accedere a nuove informazioni e utilizzarle per le decisioni quotidiane, che sia per soddisfare la propria curiosità sulle nuove opportunità da cogliere o per avviare nuove strategie aziendali. 

Ma quali sono gli strumenti e i sistemi più adatti per utilizzare i dati, dall’organizzazione alle strategie di marketing, all’interno della propria azienda? 

Uno dei metodi più performanti è quello di Business Intelligence (BI), ovvero una serie di processi aziendali di “trasformazione di dati e informazioni in conoscenza” realizzati con tecnologie molto avanzate e finalizzati ad essere impiegati nei processi decisionali per strutturare e migliorare la strategia della tua attività.  

Tra le tecniche di Business Intelligence troviamo: 

  • Data mining, ovvero l’individuazione di informazioni (di varia natura) tramite l’estrapolazione mirata di grandi banche dati.
  • Reporting
  • Metriche e benchmarking delle prestazioni
  • Analisi descrittiva, ovvero un modello di Data analysis che offre dati riferiti a situazioni attuali o precedenti, relativi al mercato. 
  • Query
  • Analisi statistica
  • Visualizzazione dei dati
  • Preparazione dei dati

La Business Intelligence, termine coniato negli anni ’60 nel contesto dei sistemi a supporto delle decisioni e ulteriormente rielaborato e sviluppato negli anni ’80, ha vissuto in questi anni una evoluzione che l’ha trasformata da strumento per l’analisi retrospettiva a mezzo per l’analisi sempre più real-time e predittiva. Inizialmente il focus della Business Intelligence, infatti, era quello di analizzare lo storico dei dati raccolti per arrivare a spiegare con precisione cosa era già successo, come per esempio in che modo analizzare la distribuzione geografica delle vendite per identificare le preferenze dei consumatori in diverse regioni. La sua trasformazione in uno strumento predittivo l’ha portata a spiegare non solo come un fenomeno (es. le dinamiche di vendita) si sia verificato in passato, ma come continua a evolvere e come probabilmente si concretizzerà in futuro. In poche parole, dai dati disponibili viene ricavato un modello del fenomeno che si sta analizzando e non semplicemente uno storico. È un approccio diverso all’analisi dei dati ed è per questo che talvolta si preferisce usare la denominazione di Business Analytics o semplicemente analytics.

Ma la Business Intelligence ha possibilità ancora più elevate, se applicata a tecnologie di Intelligenza Artificiale come Assistenti Virtuali e chatbot

Leggi anche I cinque perché dell’Intelligenza Artificiale 

In che modo? 

Le nuove possibilità della Business Intelligence derivano dall’evoluzione delle tecnologie hardware e software collegate alla gestione dei dati. Un modello significativo di un fenomeno si può trarre solo da una grande quantità di dati (Big Data): oggi sono aumentate le possibilità di raccogliere questi dati dal campo in tempo reale, immagazzinarli in database allo stesso tempo capaci e performanti ed elaborarli con piattaforme ad alte prestazioni. Grazie all’integrazione della Business Intelligence con le più innovative tecnologie di Intelligenza Artificiale, inoltre, l’elaborazione, l’analisi e l’utilizzo dei dati si trasforma in un processo ancora più rapido ed efficace per le aziende: applicando la Business Intelligence ai sistemi di messaggistica virtuale come assistenti virtuali e interfacce conversazionali evolute, le imprese avranno un enorme vantaggio in termini di tempo e costi, con un’ottimizzazione nettamente superiore dei processi aziendali e dell’utilizzo dei dati.  

Scopri quanto ne sai sull'intelligenza artificiale


Quali sono i benefici della Business Intelligence applicata a un assistente virtuale?

  • Integrando un assistente virtuale puoi analizzare i dati sulla Business Intelligence in modo rapido ed immediato, con il comando vocale rivolto all’Assistente Virtuale o digitando la tua richiesta sulla chat.  
  • L’Assistente Virtuale è in grado di estrarre le stesse analisi che si possono trovare nell’interfaccia della Business Intelligence, senza bisogno di costruire delle dashboard personalizzate, permettendoti di avere le stesse informazioni in modo più rapido e puntuale. 
  • Con l’Assistente Virtuale è possibile avere a disposizione in pochi secondi il grafico o la tabella desiderata, che viene visualizzata sulla chat in seguito della richiesta dell’utente, senza il bisogno di cercare tra le dashboard salvate sulla piattaforma. 
  • Per quanto riguarda i dati, non ci sono dati sensibili che non possano essere estratti, ma solo statistiche sui dati. 

Come può aiutare la Business Intelligence, applicata a un assistente virtuale, all’interno delle aziende? 

Alcuni sistemi di Business Intelligence sono in grado di fornire funzionalità di analisi predittive, come per esempio l’andamento del numero di clienti o la domanda di alcuni specifici prodotti; ma si può addirittura prevedere l’efficacia delle campagne di marketing o identificare e gestire i rischi, come il monitoraggio di particolari keyword su Twitter, che può aiutare a prevedere l’intenzione di commettere frodi. 

Le aziende possono servirsi della Business intelligence per:

  • Identificare le aree o i modi per aumentare i profitti
  • Analizzare il comportamento dei clienti
  • Confrontare i dati con la concorrenza
  • Monitorare le prestazioni in tempo reale 
  • Ottimizzare le operazioni
  • Prevedere il successo di nuove iniziative
  • Identificare i trend del mercato
  • Individuare eventuali problemi

L’analisi predittiva con la Business Intelligence è uno strumento estremamente  affidabile: uno dei suoi vantaggi, infatti, è quello di basarsi su modelli di dati che vengono aggiornati costantemente.

Cosa fa Algho, la piattaforma proprietaria di Intelligenza Artificiale sviluppata da QuestIT applicato alla Business Intelligence? 

Il cuore tecnologico di Algho è fondato sulla piattaforma proprietaria di Elaborazione del Linguaggio Naturale (Natural Language ProcessingNLP) che consente agli Assistenti Virutali di comprendere le richieste poste dagli utenti. La piattaforma di NLP è in grado di analizzare e comprendere 9 lingue: italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, russo, cinese e rumeno. Le sue funzionalità sono molteplici: dall’analisi dei dati aziendali, allo sviluppo di un customer service rapido ed efficiente, fino al supporto nella pianificazione di strategie marketing, il sistema non è solo un semplice chatbot ma un vero e proprio assistente, dotato di un interfaccia conversazionale evoluta, a supporto dei dipendenti nella routine quotidiana. Con Algho hai la possibilità di inserire tutta la documentazione aziendale nella conoscenza base dell’Assistente Virtuale, rendendola facilmente accessibile mediante una semplice domanda. 

Leggi anche Perché gli utenti preferiscono i chatbot 

Con Algho, applicato alla Business Intelligence, puoi avere il controllo su diversi settori, da quello economico a quello bancario, fino all’e-commerce e al settore finanziario e commerciale, per risolvere molteplici problemi di business, come per esempio:

  • Descriptive Analytics, ovvero offre dati riferiti a situazioni attuali o precedenti, relativi al mercato. Questi elementi vengono in genere forniti attraverso report e grafici e riguardano i principali KPI, o indicatori di prestazione, richiesti dai manager.
  • Predictive Analytics, ovvero l’analisi dei dati da tool programmati per fornire risposte relative alle tendenze del mercato futuro. Questi si avvalgono di strumenti matematici come il forecasting, la regressione e l’applicazione dei modelli predittivi 

Se in passato gli strumenti di Business Intelligence si basavano su un modello tradizionale, con un approccio top-down in cui si usavano report statici per rispondere alla maggior parte delle domande di analisi, oggi sempre più aziende stanno adottando il modello di Business Intelligence moderna, caratterizzato da un approccio self-service ai dati e in grado di avere risposte sempre più veloci e mirate. 

É questo il valore aggiunto di applicare un assistente virtuale alla Business Intelligence della tua azienda o servizio: dalla piattaforma linguistica, inoltre, dipendono anche le altre tecnologie che compongono il sistema, dotato di un motore di Information Extraction, dal quale l’Assistente Virtuale estrae informazioni partendo da una richiesta o dai dati in suo possesso. 

Scarica le nostre Use Case